style BettiCombo

Published on ottobre 23rd, 2014 | by Tiziana Foggetta

0

THEATRICAL CIRCUS /
The BettiCombo Company

Every artistic company has its own way of interpreting reality. A dive into the universe of BettiCombo three actors/clowns/jugglers/acrobats and into their game will help us better understand a way of interpreting reality through circus and theater.

This is my opportunity to introduce BettiCombo, a group that is so much more than just a circus company.

I am going to talk about their identity and the fine line between the circus (juggling and acrobatic) and theatre.

Or should I say theatrical circus?

Traditional boundaries don’t seem to define circus from theatre any more.

Well, to approach it from a scientific point of view there are very clear boundaries between circus and theatre but more often, to understand this, it takes more than a reading.

Francesco, Ilaria and Fabrizio are all Italian and their company was born French-Italian.

Where did you meet?

We met in Italy at circo Flic School in Turin. Ilaria and I (Francesco) attended the school at the same time, 2007-2009. Fabrizio attended the school two years earlier but we frequently met each other during internships at the school and during street art festivals.

When did you have the idea of setting up the trio? Where does the name come from?

Back in 2011 I went into a supermarket and bought three plastic buckets and from that moment I became interested in manipulating these objects. In the same year, I was working with Fabrizio on a juggling act. Since 2010 I’ve been working with Ilaria in an Italian theatre company.

The idea of a new project between the three of us started like that. The buckets are the perfect building blocks for a new construction….

In January 2012, we met in Toulouse where we started our research and the next month we got into the circus school the Lido.

Since 2013, we have been supported by PACT, (a joint venture between le Lido and la Grainerie which supports the performing arts) and now we get to perform a 30-minutes piece in European festivals.

We wanted a female name for the company and Betti was our mutual choice. Combo means group, so that’s it, BettiCombo. Not to mention, Basso cambo is an underground stop in Toulouse.

What characterizes you as a trio? I barely know you but clearly you bring a new element, that’s what’s important.

What are your common values? Practically, what is your trade mark? Do you know which aspect

of the trio won’t change in the future?

We are looking for a theatrical circus of characters, performances and emotions with a clear writing – a structure that would still give freedom for improvisation and emotions in the moment.

We are a clown trio interested in comedy and laughter.

In the act, we also look for humanity, a place where achievement and failure have the same importance.

Thinking at present, for the moment you have created just one show, AL CUBO if I’m not wrong.

I’d like to know what the idea is, the message behind it, if one exists. What is it about, if it is about anything?

Yes, it is our first show. The full 1h version is still in the making, we’ll have the première on the 7th-8th December at CIRCa, in Auch.

Al cubo’ is a recreational laboratory for three comedians, a chinese pole and plastic buckets.

The bucket is the starting point, the engine that creates actions, the unifying part, the cement for each sketch. It is conduit that allows us to reach our objectives.

It is the obsession of construction and the pleasure of deconstruction (the installations, the human interactions, the characters) that drives our actions.

This real and metaphoric theme is the recurrent motive where the characters have the freedom to lose themselves in naïve elusions and emotional journeys where their real nature is revealed.

The insatiable desire of doing takes the actor to identify/learn/discover the emptiness.

It is constructing an endless game, an escape to nowhere.

This is the pleasure of destroying something and starting again from scratch and having a new hopeful aim.

An obsession which goes round and round, a nightmare where you learn to live together rather than wake up.

Is success really important here? Is failure so unbearable? An exaggerated determination gives life to the characters who reveal the futility of the success, once they have reached the goal.

Who is directing? Who’s listening?

Sharing, cooperating, defending oneself, emerging, finding one’s place are the emotional nuances behind the performance.

To take on stage delicate dramas experienced with sarcasm and acceptance surpasses the painful pessimism.

We invite everyone to have a look on your website and find out when your next dates are.

On the 2nd of October, Huesca (Spain), the 7th -8th of December one première at CIRCa Auch (France)

On Betticombo.com website you’ll find all the updates.

BettiCombo

.

If the trio was born in Italy at the circus school Flic, individually, artistically speaking, where have you grown up?

We have different ages and different educations. As I told you, we have all studied at the Flic in Torino. We have worked in Italy mostly in street theatres or in other companies. The various internships, shows abroad and innumerable hours spent training and studying are what really enriches our education.

Is juggling your first discipline? What had you been doing before the Lido?

Fabrizio and I are both jugglers, Ilaria is a chinese pole acrobat.

Fabrizio has a ten-year solo experience in street theatre. Ilaria and I, as I told you, have both been working as interpreters in circus theatre in Italy, since 2010.

Previously, both Ilaria and I have worked with other partners.

The performing experiences of each of us are multiple and varied: solo shows, collaborations, workshops, improvisations. These all are activities that we prefer despite the lack of time at the moment!

Open question!

What is the Italian influence in your discipline or genre?

Doing creation for a circus performance often requires a lot of time.

Depending on the languages that you choose to use, a good period of time is necessary to handle/control the technique. This is essential.

Since the beginning of our research we spent almost two years full-time on this project, barely performing at other shows.

In our case, living in France has been and still is crucial for the success of the project. In the beginning, an unknown company faces a lot of hurdles, not least financial.

Contemporary circus, in France, has been developing for the last 40 years (for example you can read: click here) and it is now fully part of the range of performing arts.

During the season lots of circus plays are performed in many theatres. The contemporary companies in charge of a big top are a lot more than the traditional circus. It goes hand by hand that the progression from training to the professional circuit is highly developed.

Italy offers a wide range of street theatre festivals but the theatres that open their doors to the circus are still only few. Among the organizers/planners a climate of skepticism still exists but the public is ready and waiting for change/evolution. Luckily the first big top Italian managements have been spreading out, for a couple of years now. Despite the difficulties that a big top involves those Italian companies make a commitment spreading the circus arts across Italy.

Are you going to propose shows in Italy? If yes, where?

The first days of August at the Brocante Festival in Frisanco, (region of Friuli). That was our first public performance on the Italian soil after more than 40 shows!

At the moment we do not have anything scheduled yet, but we are working on it…

Cie BettiCombo:   Ilaria Senter/Francesco Caspani/Fabrizio Rosselli

Website betticombo.com

.

.

CIRCO TEATRALE / Compagnia BettiCombo

Ogni compagnia artistica sceglie un suo universo per interpretare la realtà.

L’universo di BettiCombo, gruppo di tre attori-clown-giocolieri-acrobati, e il loro gioco è un modo per interpretare la realtà tramite le arti circensi ed il teatro.

Colgo l’occasione per presentare ai lettori di Improvearts i Betti Combo, un gruppo che è tutto tranne che solo una compagnia di circo.

Vi parlerò della loro identità e della linea sottile che esiste tra circo (giocoleria e acrobatica) e teatro.

O dovrei dire circo teatrale?

I confini tradizionali tra circo e teatro sembrano non esistere più.

Se vi parlassi da un punto di vista scientifico, vi direi che i confini sono probabilmente chiari ma spesso ci vuole molto più di una semplice lettura per capire di cosa si tratta.

Ci vogliono dei secchi!

Francesco, Ilaria e Fabrizio sono italiani e la loro compagnia è franco-italiana.

Dove vi siete conosciuti?

Ci siamo conosciuti in Italia alla scuola di circo Flic di Torino, in particolare io (Francesco) e Ilaria abbiamo frequentato gli stessi anni di formazione 2007-2009. Fabrizio frequentò due anni prima, ma gli incontri tra noi tre nell’ambito degli stage alla scuola e nei festival di teatro di strada erano frequenti.

Quando è nata l’idea di formare un trio? E da dove viene il nome?

Nel 2011 entro in un supermercato, compro tre secchi di plastica e inizio a interessarmi alla manipolazione di questi oggetti; sempre nello stesso anno lavoro con Fabrizio a un numero di giocoleria comica, mentre già dal 2010 lavoro con Ilaria all’interno di una compagnia teatrale italiana.

Nasce cosi l’idea di iniziare un progetto, i tre assieme. I secchi sono i mattoncini ideali per iniziare a costruire…

Nel gennaio 2012, ci incontriamo a Toulouse e iniziamo il lavoro di ricerca, a febbraio siamo ammessi al terzo anno della scuola di circo Le Lido.

Dal 2013 siamo accompagnati dalla PACT, (Dispositivo Lido-Grainerie per il supporto alla creazione) e iniziamo a presentare a festival europei un estratto di 30 minuti.

Volevamo un nome femminile che ci accumunasse, e la scelta è ricaduta su Betti, combo è un insieme, un gruppo e voilà Betticombo. Basso cambo è anche una fermata della metro di Tolosa.

Cosa vi caratterizza come trio? Io vi conosco appena, sicuramente portate un elemento innovativo, che è già tanto.

Che valori vi accomunano? In pratica qual’è il vostro marchio, quello che rivedremo in futuro del vostro trio che sicuramente non cambierà.

Cerchiamo un circo teatrale fatto di personaggi, performance e emozioni, con un scrittura chiara che lasci però spazio all’improvvisazione e alle sensazioni del momento.

Approcciamo la ricerca sulle discipline circensi in modo da renderle linguaggio dei personaggi a servizio di una narrazione.

Siamo un trio clownesco, ci interessano i meccanismi del comico e della risata.

Cerchiamo l’umanità nella performance, uno spazio sincero dove successo e fallimento abbiano lo stesso valore.

Pensando al presente, per il momento avete creato un solo spettacolo, AL CUBO se non sbaglio.

Vorrei sapere qual’e’ l’idea, il messaggio se c’è, o semplicemente di che parla, se parla??

Si, è il nostro primo spettacolo (la versione da 1h è ancora in fase di creazione, la prima sarà il 7-8 dicembre a CIRCa a Auch).

“Al cubo” è uno studio ludico per tre attori, palo cinese e secchi di plastica.

Il secchio è il punto di partenza, il motore che porta alle azioni, é l’elemento unificante, il cemento di ogni installazione. Ci permette di porci degli obiettivi da raggiungere ed è il verbo della nostra comunicazione.

L’impulso che porta alle azioni nasce dall’ossessione di costruire e dal piacere di decostruire (delle installazioni, delle relazioni umane, dei personaggi). Questa tematica reale e metaforica è il motivo ricorrente nel quale i personaggi trovano la libertà di perdersi in deliri naif e viaggi emozionali, rivelando il proprio carattere.

Il bisogno insaziabile di fare porta presto i personaggi a scoprire il vuoto.

Costruire un gioco interminabile, una scappatoia dal nulla. Il piacere di distruggere per ricominciare da zero, avere un nuovo obiettivo che porti alla speranza. Un’ossessione che gira, un incubo dove imparare a vivere insieme piuttosto che svegliarsi.

La riuscita è veramente importante? Il fallimento è così insopportabile? Una determinazione esagerata anima i personaggi, che una volta compiuto l’obiettivo, rivelano la futilità della riuscita.

Chi dirige? Chi ascolta? Condividere, collaborare, difendersi, emergere, trovare il proprio posto, sono le sfumature emozionali nascoste dietro l’esibizione. Portare in scena dei drammi delicati, vissuti con ironia e accettazione, superando l’amaro pessimismo.

BettiCombo

Invitiamo tutti a visitare il vostro sito per ritrovare le vostre possime date.

2 ottobre, Huesca (Spagna) e 7-8 dicembre una première a CIRCa Auch (Francia)

Sul sito betticombo.com trovate tutti gli aggiornamenti.

Se il trio è nato in Italia al circo Flic, singolarmente, artisticamente parlando, dove siete cresciuti?

Abbiamo età diverse e formazioni diverse… Come ti dicevo tutti e tre abbiamo frequentato la scuola di circo Flic di Torino, e lavorato in Italia, chi più nel teatro di strada chi più nel lavoro con delle compagnie… ciò che sicuramente arricchisce la nostra formazione sono i numerosi stage e spettacoli all’estero, i viaggi, le innumerevoli ore passate ad allenarsi e a fare ricerca in una sala.

Alla base siete jongleurs? Che cosa facevate prima di arrivare alla scuola Lido?

Io e Fabrizio siamo entrambi giocolieri, Ilaria è acrobata al palo cinese.

Fabrizio ha un’esperienza decennale nell’ambito del teatro di strada solista, mentre io e Ilaria come ti dicevo, lavoriamo dal 2010 come interpreti in uno spettacolo di circo-teatro italiano. In precedenza sia io che Ilaria abbiamo lavorato in due distinti spettacoli di teatro di strada con distinti partner…

Le esperienze performative di ognuno sono molteplici e disparate: spettacoli solisti, collaborazioni, laboratori, improvvisazioni, sono attività che tuttora ci interessano e ci fanno crescere (pur non avendo molto tempo in questo momento!)

Domanda aperta!

Qual’e’ il panorama italiano nella vostra disciplina o in genere… ?

La creazione di uno spettacolo di circo di ricerca richiede spesso molto tempo.

In base ai linguaggi che si sceglie di utilizzare, un primo periodo di tempo è necessario per padroneggiarne la tecnica, indispensabile per potersi esprimere con essi.

Dall’inizio della ricerca abbiamo passato circa due anni a lavorare a tempo pieno su questo progetto, facendo solo marginalmente altri spettacoli.

Nel nostro caso il fatto di vivere in Francia è stato ed è determinante per la buona riuscita del progetto. Agli inizi, per una compagnia sconosciuta, le difficoltà sono molte, non ultime quelle economiche.

Il circo contemporaneo in Francia è sviluppato da oltre 40 anni (vedi qui) e fa ormai parte a pieno titolo dell’offerta culturale nell’ambito dello spettacolo dal vivo.

In moltissimi teatri durante la stagione vengono programmati spettacoli di circo, e le compagnie che gestiscono un tendone sono maggiori dei circhi tradizionali. Viene di pari passo che tutto il sistema, a partire dalla formazione fino al circuito professionale è altamente sviluppato.

L’Italia offre una vasta offerta di festival di teatro di strada, ma i teatri che aprono le proprie porte a spettacoli di circo per la sala sono ancora pochi. C’è ancora un clima di diffidenza tra gli organizzatori, ma il pubblico è pronto e desideroso di novità. Fortunatamente da qualche anno iniziano a diffondersi i primi chapiteaux di compagnie italiane che nonostante le difficoltà che la gestione di un tendone comporta si impegnano a diffondere lo spettacolo circense in Italia.

Proponete spettacoli in Italia? Se si dove?

I primi di agosto siamo stati al festival Brocante a Frisanco, Friuli (prima presentazione pubblica in territorio italiano dopo più di 40 spettacoli!)…

Per il momento in Italia non abbiamo nessun altra data, ma ci stiamo lavorando…

Cie BettiCombo:   Ilaria Senter/Francesco Caspani/Fabrizio Rosselli

Website: betticombo.com

.

[style_13#271]

.






.


About the Author

Tiziana Foggetta

Tiziana infatuated with alternative personalities, human interactions and quirky behaviors, she is mostly intrigued about the “behind the scenes”. Since 2011, she has been learning circus arts at the circus Les Noctambules in Paris, her circus-base. Since, she finds a circus school in every place she lives in or visit. She has focused her studies on cultural mediation and tourism management. Her interest in circus practice but also research about street and circus arts brought her to join the French SEA Europe sociologist and anthropologist organization last February 2013. She has been developing with them a research-action project where to call out the entire European circus network.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑