innovation sculptris

Published on settembre 18th, 2013 | by Alessandro Spinosa

0

Sculptris: avvicinarsi al 3D con un buon programma gratuito

Se siete stati sempre attratti dalla modellazione 3D, ma non avete mai avuto né il tempo né la voglia di scaricare, installare, crackare (non scrivete questa parola sui forum perché s’incazzano da morire), se non addirittura comprare nessuno dei più famosi e costosi programmi del settore, o se superato questo primo ostacolo vi siete arresi di fronte alla complessità di un interfaccia a dir poco incomprensibile, sarà sicuramente una bella sorpresa scoprire l’esistenza di questo software. Sculptris è un prodotto Pixologic, la stessa casa di produzione che ha sviluppato Z-Brush, uno dei programmi professionali di sculpting 3D più utilizzati del momento, ma a differenza di quest’ultimo è totalmente gratuito. Vi basterà andare sul sito di Pixologic per scaricarlo ed essere operativi in pochissimi minuti.

Una volta installato e avviato il programma (leggerissimo), vi troverete con enorme sollievo di fronte ad un interfaccia estremamente semplice e intuitiva, in cui sono disposti a vista tutti i comandi e le funzionalità di cui avrete bisogno per iniziare a modellare. Se siete degli appassionati di scultura e avete avuto modo di praticarla, sarete chiaramente avvantaggiati. In caso contrario, vi basterà fare un po’ di pratica per rendervi conto dell’eccezionale praticità d’uso di un programma sviluppato appositamente per chi ha voglia di avvicinarsi in modo veloce e divertente al mondo della modellazione.

Sculptris-2---improvearts

Sculptris, così come Z-Brush e tutti i programmi di sculpting, a differenza dei software di modellazione poligonale, sfrutta le cosidette “dynamesh”. Queste sono delle mesh dinamiche, ovvero delle sfere di base la cui forma potrà essere scolpita e modificata mediante i principali strumenti, come se stessimo lavorando una massa d’argilla. La vera particolarità di queste dynamesh sta nel poterle scolpire liberi da qualsiasi tipo di vincolo topologico, ovvero senza doversi preoccupare dell’integrità della loro struttura poligonale, che sarà invece gestita automaticamente dal programma. Possiamo quindi tirare, pressare, lisciare, appiattire e incidere, ed ogni strumento può essere usato anche al negativo. Si possono costumizzare i pennelli con una qualsiasi immagine, forma o texture. Il tutto è ottimizzato per l’utilizzo con la tavoletta grafica, così da impostare dimensione e pressione del tratto alla sensibilità della penna.

Un altro gruppo di strumenti ci permette di ottimizzare il modello aumentando o riducendo il numero di poligoni; disattivare la vista “wireframe”; attivare o disattivare la modalità “simmetria”, grazie alla quale ogni tipo di intervento effettuato sull’oggetto verrà effettuato specularmente. Lo strumento “maschera” invece permette di lavorare su alcune parti dell’oggetto senza influenzarne altre.

Sculptris-4--improvearts

È possibile esportare e importare i modelli in formato .obj e con il tasto “GoZ” aprire direttamente il nostro file con Z-Brush per continuare a lavorarci ad un livello più avanzato. Con Sculptris è possibile anche applicare colore/texture e una bump map sul modello, creando così in automatico una UV map da poter esportare in altri programmi come Photoshop o 3DSMAX. È importante sapere che il modello realizzato con Sculptris non è adatto ad essere animato, in quanto la topologia è abbastanza caotica, a causa dell’alto numero di poligoni creati. Sarà quindi necessario aprire il file con un altro software di modellazione poligonale e ricavare un modello low poly mediante retopology, ovvero, per intenderci, ricalcare in 3D l’oggetto modellato con Sculptris creando una struttura regolare e a basso numero di poligoni. Fatto ciò, sarà possibile riggare e animare l’oggetto.

Questa breve panoramica illustra in modo veloce alcune delle funzionalità di questo software a mio parere preziosissimo. Non vi resta che scaricarlo e provare con mano.

.

[innovation4#67]

.

  


About the Author

Alessandro Spinosa

Mediterranean Bastard Cocktail. Di origini maltesi e napoletane, nasce a Taranto, cresce a Catania e vive a Roma. Scultore per formazione (si laurea in tecniche della scultura all’accademia di belle arti di catania), durante i primi anni nella capitale si guadagna da vivere come restauratore d’antiquariato e arredatore d’interni, specializzandosi nella lavorazione artistica di marmi antichi e pietre dure. Consegue un Master in Architettura d’Interni e si dedica quindi al Design, collaborando in qualità di progettista e 3D modeller con diversi studi romani. Appassionato di cucina già in tempi non sospetti, ben prima che l’occhio malvagio del big brother entrasse nelle cucine di mezzo mondo, soddisfava i suoi appetiti notturni già in tenera età con discutibili ma appassionate perfomance ai fornelli. Per nove mesi all’anno è impegnato ogni domenica in quell’estenuante lotta contro l’esaurimento nervoso che potremmo riassumere in due parole: Calcio Catania.



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Back to Top ↑