social valentinachianese-LEMMI-RUBATI-ALL’AGRICOLTURA-–-GLOSSARIO-MINIMO-DELL’ATTUALITA’

Published on novembre 13th, 2013 | by Valentina Chianese

0

LEMMI RUBATI ALL’ AGRICOLTURA – GLOSSARIO MINIMO DELL’ATTUALITA’

Siccome l’elettorato italiano pare essere un po’ duro di comprendonio quando si tratta di fare considerazioni politiche anche spicciole e lapalissiane sull’attualità, si è ritenuto utile portare la discussione in un campo che dovrebbe di per sé rendere estremamente facile la comprensione dei fenomeni politici italiani e non: il campo per antonomasia, l’agricoltura.

Utilizzeremo quindi parte dell’utile glossario agricolo del sito, rivista telematica del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, piegandolo ai nostri scopi di analisi socio/politica. Chissà che un giorno non riusciremo a farne un vero e proprio dizionario.

Additivo: sostanza chimica che viene aggiunta ad un prodotto per migliorarne alcune caratteristiche o per conferire ad esso particolari proprietà. Un celebre servizio delle Iene ha dimostrato come sia diffuso l’uso di additivi in Parlamento, che nel caso specifico conferiscono la particolare proprietà di essere almeno 200 volte più stronzi e arroganti rispetto alla versione base.

Agente Orange: combinazione di differenti erbicidi, usato dalle forze armate statunitensi nel corso della guerra del Vietnam per distruggere la vita vegetale, in particolare le foreste che offrivano rifugio al nemico e i raccolti che lo sostenevano. Ad esso vengono attribuiti una varietà di danni all’ambiente e alla salute umana. Indistinguibile dal concetto di: bigmec.

Alimenti transgenici: prodotti che hanno subito una manipolazione genetica. Hanno una composizione genetica che la natura non avrebbe potuto produrre, in quanto vengono trasferite le proprietà particolari di una specie ad un’altra e viceversa. Ne sono un chiaro esempio i celebri cattocomunisti e i nazisti gay. La presenza di ingredienti che sono stati geneticamente modificati contenuti eventualmente in un prodotto deve essere espressamente segnalata in etichetta, ma ditemi voi se siete capaci di distinguerli e soprattutto se importa a qualcuno.

Alloctono: famiglia/specie/organismo che non appartiene alla fauna di una determinata area, ma che vi è giunto per l’intervento dell’uomo. Se ci riferiamo  all’era immediatamente successiva a Mani Pulite, l’uomo è Berlusconi e l’intervento è la sua discesa in campo. Gli alloctoni in questo caso furono i socialisti che si stabilizzarono a destra in Forza Italia.

Bestiame: si intendono tutti gli animali allevati per uso, profitto e come bacino elettorale.

Climax: assetto finale in equilibrio di un ecosistema, ove ogni specie occupa una nicchia definita. In politica è noto come “governo delle larghe intese”.

Dispersione: il trasferimento o movimento da un’area ad un’altra di piante, semi o altre parti. È il processo attraverso il quale una specie colonizza un nuovo habitat. Vedere la voce Alloctono e vedere sui libri di storia alle voci Mani pulite e Seconda repubblica.

Dormienza: stato fisiologico, dovuto a cause intrinseche fisiche e/o fisiologiche, che impedisce la germinazione della partecipazione politica, anche in condizioni ambientali favorevoli. È una caratteristica controllata solitamente dai Tg, coadiuvati in quest’opera dall’eredità artistica, culturale e morale di Maurizio Costanzo.

Ecotono: fascia di transizione fra due ambienti; ne sono esempi il margine del bosco con zone aperte, l’interfaccia fra vegetazione palustre e acque aperte, il centro moderato. Le zone di confine tra ecosistemi differenti sono particolarmente ricche di specie e di parlamentari perché possono ospitare contemporaneamente gli organismi legati ai diversi schieramenti che entrano in contatto tra loro.

Eliofilia: la predilezione dell’esposizione in pieno sole di appartamenti presso il Colosseo; può verificarsi anche a propria insaputa.

Enclosures: si tratta di un processo, avvenuto nel corso di parecchi secoli, per il quale terre di possesso comune o inutilizzate passarono in mani private. Rappresenta il passaggio dall’economia di sussistenza del mondo feudale all’agricoltura commerciale moderna. A noi piace ricordare cosa Rousseau ebbe a dire in proposito: “il primo che, cintato un terreno, pensò di affermare ‘questo è mio’, e trovò persone abbastanza ingenue da credergli, fu il vero fondatore della società civile. Quanti delitti, quante guerre, quante uccisioni, quante miserie e quanti orrori avrebbe risparmiato al genere umano colui che strappando i paletti o colmando il fossato, avesse gridato ai suoi simili: ‘Guardatevi dall’ascoltare questo impostore. Se dimenticate che i frutti sono di tutti e che la terra non è di nessuno, voi siete perduti’”.

Foraggiamento ottimale: il comportamento di foraggiamento, ossia di ricerca, manipolazione e utilizzazione del cibo, può essere descritto da modelli matematici nei quali si assume che l’animale sia predisposto a rendere massimo il successo nella ricerca del cibo e degli sghei. Per far questo, viene preso in considerazione il bilancio fra i costi (energia spesa, tempo sottratto ad altre attività, rischi di farsi sgamare a comprare voti) e i benefici (energia, sostanze nutritive, rimborsi elettorali, calamari arrosto a prezzo di costo).

Ibridazione: è l’unione tra due organismi che appartengono a specie o varietà anagraficamente molto diverse (avviene per via sessuale ma è necessaria una forzatura, per esempio l’impollinazione artificiale del fiore, l’uso di pompette e Viagra e soprattutto sganciare molti soldi).

Invaiatura: cambiamento di colore dei frutti. Riferito all’olivo è il passaggio dal colore verde al colore nero, riferito a Mirko Tremaglia il passaggio dal nero all’azzurro, riferito a Giuliano Ferrara dal rosso al bianco. Il periodo di tempo necessario può variare in funzione della varietà del clima e durare anche solo 10 minuti come con Capezzone.

Lek: è un territorio nel quale i maschi si radunano al solo scopo di attrarre e corteggiare le femmine e/o gli elettori. Non contiene risorse se non genetiche e di chiacchiera. Le femmine e gli elettori vi si rivolgono al solo scopo di scegliere un maschio, accoppiarsi e votarlo. Per diverse specie i lek sono aree tradizionali, come la riviera romagnola, Amsterdam o Ballarò, nelle quali le aggregazioni si manifestano anno dopo anno e settimana dopo settimana. Le specie che tipicamente si accoppiano nei lek sono il fagiano di monte, il gallo cedrone, Renzi e, nel caso di Amsterdam, chi s’è portato qualcosa in più di soldi.

Pacciamatura:  il termine indica la protezione del terreno sociale realizzata con diversi materiali coibenti, degradabili o no, scelti in relazione al costo ed alla facilità di reperimento (segatura stagionata, paglia, fogliame, teli di iuta, una pessima scuola pubblica, assenza di meritocrazia, assenza di mobilità sociale, pressione fiscale diseguale) allo scopo esclusivo di proteggere i figli dei magnasghei dalla concorrenza e preservare generazione dopo generazione la rigogliosità dell’élite.

Pollone: ramo vigoroso che si forma sul fusto di alcune specie arboree ed arbustive quando si effettua il ceduo o il taglio a capitozza oppure in seguito agli incendi. Dopo l’abbondante potatura della seconda guerra mondiale, ad esempio, si è generato un tenacissimo pollone democristiano tuttora visibile.

Reintroduzione: immissione di un’entità faunistica finalizzata a ricreare una popolazione vitale in grado di mantenersi nel tempo senza ulteriori interventi da parte dell’uomo, in un’area dove la specie si è estinta localmente in epoca storica. Ad esempio, l’immissione di cittadini in politica, notoriamente assenti in questo habitat. Nel caso specifico dei grillini, la reintroduzione è però destinata a fallire una volta eliminata l’entità faunistica ligure di partenza.

Resilienza ecologica: è la capacità di rigenerazione di un sistema che ha subito un impatto negativo come le elezioni. Essa riflette le possibilità che il sistema ha di tornare a livelli di strafottenza accettabili. Sono numerose le caratteristiche che descrivono la resilienza, tra cui l’elasticità e l’ampiezza di riposta. Nel primo caso si intende la velocità con cui il sistema è in grado di ripristinare lo stato iniziale dopo la perturbazione, grazie soprattutto alle larghe intese; nel secondo, invece, si fa riferimento al grado di modifica rispetto alla condizione iniziale che il sistema può sopportare per poi ritornare allo stato iniziale (determinate forme di prato, ad esempio, sono in grado di sopportare elevati livelli di calpestio tornando alle condizioni iniziali, Marrazzo invece no).

Resistenza ecologica: è la capacità di un sistema di evitare modifiche durante un episodio di disturbo come appunto le elezioni e un’eventuale nuova legislatura.

Rotazione delle colture: si basa sul fatto che non tutte le piante hanno bisogno delle stesse sostanze nutritive: alcune, mentre assorbono dal terreno certi sali minerali, lo arricchiscono di altri. Così, ad  esempio, si alternano coltivazioni che privano il terreno di liquidità, come le Montifere e le Prodifere, con altre coltivazioni che invece lo arricchiscono di immoralità, come alcune piante che contengono nelle loro radici batteri capaci di impelagarsi in questioni di prostitute e minorenni facendo marcire un po’ tutto il terreno.

Saprofago: organismo animale che si nutre di sostanze organiche in decomposizione; questo fenomeno è promosso dalle liste bloccate, che permettono appunto ad alcuni organismi animali di sopravvivere grazie alla sola visibilità del capolista, che però, di solito, è un cadavere ambulante o indistinguibile da esso.

Saprofiti: organismi vegetali inferiori che vivono e prosperano su materiale organico in decomposizione. La maggior parte dei saprofiti è costituita da batteri, muffe, funghi e Olgettine.

.

[social_14#108]

.






.


About the Author

Valentina Chianese

Mi chiamo Valentina Chianese e ho, momentaneamente, 32 anni. Vivo in Molise, dove sono cresciuta, ma ho origini campane. Mi sono laureata in filosofia, con grandi aspettative e risultati fiacchi, e a tempo perso in scienze politiche, con nessun impegno e risultati migliori. Adoro il cinema, la filosofia, la campagna, i gatti (non necessariamente i miei), mangiare e bere ma non è che la musica mi fa schifo. Sono relativista su valori che si approssimano al 100% e sono affamata di complottismo, mi viene spontaneo prendere tutto poco sul serio, comprese la vita e la morte, ma posso diventare feroce quando si tratta dell’AS Roma, che ritengo rappresenti l’ultimo sacro baluardo umano senza il quale dovremmo per dignità estinguerci e lasciare il mondo, appunto, ai felini. Sergio Leone, Nietzsche, Castoriadis, Freud e gli Slayer sono le mie icone di riferimento e spero lo diventino un giorno anche per voi. O anche no.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑