music Agricantus-Kuntarimari

Published on febbraio 2nd, 2014 | by Leonardo Vietri

0

Kuntarimari recensione

Prima dell’Orchestra di Piazza Vittorio, il gruppo Agricantus già incantava le platee di tutto il mondo (e Peter Gabriel in primis) con la loro incarnazione del verbo della world music in una miscela esplosiva di sintetizzatori e tradizione, ritmiche e suoni millenari provenienti da un mondo arcaico che trovavano una delle loro espressioni più azzeccate grazie al sapiente uso delle percussioni di Tonj Acquaviva e alla voce veramente straordinaria di Rosie Wiederkehr, che costituivano sicuramente due degli ingredienti fondamentali di quella ricetta irripetibile proposta dal gruppo.

Diretto dal leader del gruppo, Tonj Acquaviva, arriva Kuntarimari (concept album dedicato al potere trasformante e benefico dell’acqua) impreziosito dalla sodale artistica di sempre (Rosie Wiederkehr) e da una serie di ospiti provenienti da tutto il mondo. La commistione è la parola d’ordine, come sempre. L’iniziale Divinità propone il raggamuffin siculo del cantante Jaka mentre in Water Cycle, dedicato al continuo mutamento e alla trasformazione, si sposano con innegabile fascino e liquidità il cantato quecha (la lingua dei nativi sud americani, e non la nota marca di abbigliamento, ndr) con il bansuri (flauto indiano) del nepalese Binod Katuwal.

Canzone centrale è Waiora (whales song), un termine che in lingua maori rappresenta appunto l’aspetto spirituale e curativo dell’acqua unito al profondo rispetto per le balene, animale sacro marino per eccellenza secondo le popolazioni maori.

Agricantus-Kuntarimari     Agricantus-Kuntarimari

Les Aigües sfrutta tutta la potenza evocativa della voce senza tempo di Rosie Wiederkehr per cantare in sanskrito il mantra della lunga vita: una preghiera di guarigione mutuato dalla tradizione tibetana. A virare verso il “pop” ci pensa la canzone che chiude l’album – Thetys – dolcissimo amarcord millenario che celebra il nome degli oceani prima della formazione dei continenti attuali.

Ancora una volta un inno alla vita e alla trasformazione (con l’attenzione alla preservazione dell’ecosistema nel quale viviamo, come testimonia Divinità, alla liquidità delle nostre esistenze e del nostro mondo). Tutto il concept album appare coerente con il percorso umano e artistico di Acquaviva e Wiederkehr, piantati nel presente con lo sguardo rivolto al futuro, con l’ausilio di suggestioni antiche e moderne che convivono armonicamente in questo flusso sonoro di estrema bellezza. Ce ne sono pochi che fanno world così, e questo gli Agricantus lo sanno bene.

.

[music_29#162]

.

 

 






.


About the Author

Leonardo Vietri

Madre brasiliana, padre italiano, cuore statunitense, ubicato dalle parti della San Francisco Bay Area. Come Jonatham Lethem prima di me - rimango folgorato sulla via di Damasco dall'opera del grande Philip K. Dick, a cui dedico una tesi sperimentale (si passa in rapida successione dalla letteratura al cinema, dal fumetto alla musica, dalla videoarte al djing) di laurea quinquennale in Scienze della Comunicazione. Instancabile motore culturale, negli ultimi 15 anni ho partecipato a numerosi Festival e rassegne di cinema, musica e arte emergente collaborando inoltre con alcuni tra i laboratori creativi più interessanti della capitale (Aye Aye - Installazioni Interattive e Laboratorio Linfa) e con associazioni culturali impegnate a migliorare il mondo (Ecologia In Viaggio Onlus su tutte). Appassionato di giornalismo ho scritto di musica, cinema, libri, fumetti e stili underground per molte testate e fanzine tra cui Fucine Mute, Satyrnet, Nerdsattack, Wings of Magic, Vintage!, Zero6, LeCool Roma. Al momento mi occupo di Marketing e Comunicazione aziendale e suono l'ukulele per puro divertimento. Ah, essendo nato a Rio de Janeiro, sono "carioca da gema"!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑