photo Charles O’Rear

Published on giugno 9th, 2014 | by Flavia Scalambretti

0

Charles O’Rear: Bliss , Napa Valley, North California (1996).

Vi siete mai chiesti quale sia la fotografia più vista al mondo? Probabilmente ora state sfogliando mentalmente l’arsenale d’immagini storiche dei grandi maestri della fotografia, passando da Mc Curry, a Salgado o Cartier-Bresson. La risposta è, per un certo verso, ovvia, ma allo stesso tempo non completamente scontata.

Infatti, ad occupare questo podio, molto probabilmente è la fotografia del 1996 scattata da Charles O’Rear, noto anche con il soprannome di “Chuck”. Nel 2002 l’immagine fu selezionata dalla Microsoft per diventare il desktop di default del sistema operativo di maggior successo al mondo: Windows XP.

La diffusione di quest’immagine si deve a due aspetti sostanziali: la longevità di XP, che con i suoi 13 anni di servizio, è il sistema operativo usato per il periodo più lungo al mondo; e la diffusione dello stesso. Per avvicinarci a comprendere quante persone hanno visualizzato almeno una volta nella vita la foto, basti pensare che, a 11 anni dal lancio del sistema operativo, ancora il 30% dei computer del mondo funzionano grazie a Windows XP.

Ma come è nata la fotografia in questione?

È lo stesso fotografo a parlarne in un video pubblicato l’8 aprile ’14 dall’azienda Microsoft, in cui Chuck racconta la storia del desktop simbolo del brand:

La foto in questione è nata per caso: è il gennaio del 1996 e Charles guida la sua auto nella Napa Valley (costa nord della California), come tutti i venerdì, diretto dalla sua ragazza, oggi sua moglie. Durante il tragitto resta colpito dal paesaggio pacifico in cui si ritrova immerso.

Così decide di impugnare la sua Mamiya RZ67, una reflex di medio formato contenente una pellicola Fuji, di sistemare il treppiede e scattare. Non verrà mai apportato nessun cambiamento in postproduzione, sostiene il fotografo.

L’aspetto che più colpisce dell’immagine è l’estrema pulizia e semplicità della composizione. Le nuvole sono sparse ordinatamente, creando un interessante gioco di ombre sulla celebre collina, senza però destabilizzare la morbidezza dei volumi che la compongono. Proprio queste caratteristiche hanno reso la fotografia l’immagine perfetta per il desktop più diffuso al mondo.

Charles O’Rear

Certamente l’occhio di Charles era ben allenato a saper riconoscere un’immagine perfetta:

O’Rear difatti è un photoreporter professionista, ha collaborato con testate del livello di Los Angeles Times e, dal ’71, della National Geographic (di cui può vantare 2 copertine).

Inizialmente la foto fu proposta all’agenzia Westlight, poi inglobata da Corbis, fino alla richiesta della Microsoft, che cambiò definitivamente la sorte dello scatto. Il file nell’elenco degli sfondi disponibili è registrata con il nome di “Bliss”, traducibile con “beatitudine”, “felicità”. Nella versione olandese del sistema operativo, l’immagine è però rinominata “Ireland”, creando confusione nell’identificazione del luogo dello scatto, ora palesemente registrata anche su Google Street View:

Charles O’Rear

Non esistono fonti ufficiali che abbiano reso noto il prezzo pagato per i diritti dell’immagine, ma secondo indiscrezioni si tratterebbe di una delle cifre più alte mai pagate per una singola immagine fotografica.

Per concludere ecco alcune parodie del web:

Charles O’Rear

Charles O’Rear

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

Articoli correlati

.

[photo_cult_9#226]

.






.


About the Author

Flavia Scalambretti

Flavia Scalambretti, 23 anni, romana. Laureanda in Scienze della Comunicazione. Fotografa freelance per l'agenzia giornalistica fotografica AGF.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑